18

Conferma di avere più di 18 anni o abbandona il sito web.
Questo sito utilizza i cookie solo per analizzare il traffico.

Il diario di una scorta di Verona durante la pandemia

Il diario di una scorta di Verona durante la pandemia

 

Una escort di Verona svela la sua vita durante la pandemia di coronavirus. Dice che la situazione è preoccupante sia per lei che per i suoi colleghi, soprattutto per coloro che si guadagnavano da vivere solo con il lavoro di escort. L'Italia è stato il primo Paese in Europa ad essere stato colpito dalla pandemia di coronavirus e gli effetti delle restrizioni non si sono fatti attendere. La cosa peggiore è che le escort italiane non ricevono un risarcimento dallo Stato.

Tuttavia, anche sulla pandemia, dice la escort, i clienti fedeli continuano a chiamarla. La chiama semplicemente per chiederle come sta, come sopravvive, come trascorre il suo tempo durante le distanze sociali. Altri la chiamano semplicemente per tirarla su di morale con qualche battuta.

La escort rivela di ricevere circa cinque chiamate al giorno da clienti che desiderano chat dal vivo. Vogliono semplicemente parlare con qualcuno di come affrontano i tempi e della loro famiglia, moglie o figli. Li ascolta, come se fosse una psicologa. Gli scienziati, dice, stanno attenti a non dire mai che gli manca, anche se lei lo sente.

La escort rivela di aver smesso di fornire servizi sessuali dal 5 marzo, perché non vuole esporsi al rischio di contagio con il nuovo coronavirus. È troppo pericoloso. Essere una escort nel vero senso della parola significa contatto fisico e mantenere una distanza sociale è fisicamente impossibile quando fai sesso.

Dice anche che ci sono alcuni clienti fedeli che hanno cercato di aumentare la tariffa solo nel tentativo di convincerla a vederli. Ma lei ha rifiutato, perché non ha rischiato di ammalare un cliente o la sua famiglia.

Sorprendentemente, le telefonate con i clienti non sono mai erotiche. Mediamente, prima della pandemia, aveva circa 30 clienti al mese, per lo più sposati o con una relazione stabile, con un'età media tra i 40 ei 60 anni.

Durante la pandemia, tuttavia, non ha guadagnato soldi. E se vivesse da sola, non sarebbe in grado di mantenersi. Probabilmente è facile giudicare perché abbia scelto questa professione, ma, dice, prima di diventare una escort a Verona, guadagna in un'azienda metalmeccanica circa 700 euro al mese, soldi che non poteva sostenersi perché aveva e due bambini piccoli. Così ha deciso di prostituirsi.

Il lavoro di escort è sempre esistito e lei è frustrata dal fatto che lo stato non lo abbia ancora normalizzato. Se questa attività fosse legale, in questi mesi di inattività, l'indennità statale sarebbe di 600 euro mensili, come per tutti gli altri disoccupati che lavorano in altri settori di attività. Non è molto, ma aiuterebbe con le spese di base.

Attualmente le prostitute in Italia sono oltre 10.000, un business da oltre 4 miliardi di euro. Tuttavia, se desideri contattare una escort, cerca semplicemente su internet e troverai escort disponibili in questo momento difficile.

 

9